sabato 25 febbraio 2017

CASSANDRA

Levo per te un canto nuovo
nel freddo che morde le rondini sospese sui coni di velluto dei monti
fra gli acini dimenticati sulla vite nell'attimo che incontra il sole
mentre danza con gli ulivi a picco sui vigneti
fra i nespoli sgualciti dal vento lungo il filare degli oleandri in fiore.


 














Hai il sapore degli anemoni al tramonto, nel giallo acuto di ginestre
fra i rami germinanti, oltre i cancelli delle rose
dove il mare di mimose si lascia punteggiare dalla saggezza delle api
fin oltre la tua valle di spighe
acropoli azzurrata di narcisi al confine dei campi. 


Quanti universi connessi lungo un piccolo ramo
pronti a rifiorire nel sole ancora alto, al canto di Orfeo!
Cassandra, che danzi come luce fra intere costellazioni
signora delle lune e dei fiumi incipriata di mistero e di cielo
tutto è nei tuoi occhi che il mare non sa.


sabato 4 febbraio 2017

Rubrica versi Diversi La poesia e il grande pubblico

La poesia e il grande pubblico


Si, c'è voluto molto coraggio nel pubblicare una rubrica di poesia per il grande pubblico, ma il successo riscontrato e la qualità dei testi che stanno arrivando, ci hanno dato ragione. Le poesie che non riusciremo a pubblicare saranno rese note sul sito di ORA. Stiamo ricevendo molte adesioni e questo ci ha convinti nel voler promuovere il Premio di Poesia ORA. Dopo Andrea Galgano, restiamo ancora in terra lucana. Agnese Belardi è di Lagonegro, nella Valle del Noce, in provincia di Potenza. " A Lagonegro, paese mio" è un inno d'amore. Il passato ci restituisce le nostre radici, quello che siamo stati. Ci dice da dove veniamo, chi siamo. "Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra, c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti" ( Cesare Pavese)


A LAGONEGRO PAESE MIO



Natio paese mio, Lagonegro

Tanto onesto e duro.

Tanto freddo e gentile.

Un uragano di vita mia!

Un raggio di luce nella vita.

La sera cadeva sulla piazza(a lagonegro),

Godevo con le amiche la gioventù

bella e fragile  e…

Lungamente breve.

Nella salita,

lungo il corso alberato(‘u chiano)

il cuore sussultava..

Gonfio d’ amore

mentre  passavo accanto agli alberi, profumati.

I vestiti, sbattevano nel vento,

accendevano la speranza

inaffondabile positività.

Oggi

al mio passaggio nel viale (‘u chiano)

chiusi i vestiti,

seppelliti nel risentimento , i pini.

Il vento è terso al tramonto

come il mio viso

Schiacciato nel rimpianto.

Niente ritorna!!!

Il tempo passa e non ti molla.

Il sole pallido risplende, ornato da

Un’ illusione sconfinata nel tormento

Come un levriero, per la corsa pronto.      

 

Agnese Belardi è nata e vive a Lagonegro (Potenza). Laureata in Pedagogia, docente di ruolo di Materie letterarie dal 1986 presso le scuole superiori di 2° grado , attualmente a Lagonegro; è abilitata in Storia e Filosofia. Ha pubblicato il saggio dedicato alla poetessa Donata Doni “Una voce oltre la vita Le raccolte di poesie:” Nettare dal cuore” , “Arcobaleno di parole” ,” Le piccole cose della felicità “ ,  “Un mondo di pace” e “Ricami poetici colorati”. Racconti da Lacus Niger: “Monna Lisa protegge i castellani dal malocchio”, La poetessa dimenticata. Il volume sullo storico e uomo politico lucano, Giacomo Racioppi( del quale ha ricevuto il PREMIO Francesco Saverio Nitti il 1° di ottobre scorso 2016 a Maratea). IL suo esordio nella narrativa “A muso duro”, l’Erudita editrice Roma pubblicato nell’aprile scorso ha fatto il tutto esaurito della prima stampa. Ha ricevuto premi e menzioni d’onore per i suoi scritti. Premio di poesia: Città di Monza , Guidonia , Angelo Alagia (Ediz.2009, 2010, 2011,2012,2013),Premio poesia Universum Basilicata . Premio letterario Papiria, Premio Narrativa  “Il Giardino di BabuK , Narrativa XIX Edizione Premio internazionale “Arte e Cultura” Cava De’ Tirreni Salerno, Premio Siris. Premio Internazionale San Francesco d’ Assisi e Premio Storie di Scuola Bologna. Molte delle sue poesie sono inserite in diverse antologie  distribuite in tutta Italia e alcune sono state tradotte in Russia. Riconoscimento poesia con una Stele riposta nel giardino “alberi recisi” a Laino Castello (CS) . Scrive su varie testate giornalistiche. E’ Vice presidente della Pro-loco della sua città, organizza eventi culturali per valorizzare il ruolo socio-culturale e artistico delle donne della Basilicata e in particolare denunciare e debellare le disparità e la discriminazione “di genere”. Ha fondato il primo salotto , caffè letterario dedicato alle donne. Ultimamente è stata nominata delegata della toponomastica femminile.