mercoledì 30 settembre 2015

Riprendo la mia strada



L’aria si assopisce all’ombra
e  scende lentamente nello spazio liquido
fino in fondo
più in là del confine dei monti.

La luna si rotola e tocca il fianco dei venti umidi
fino a  sfiorare la sponda velata del fiume.

Mi avvolgo nella notte e  mi svuoto di tempo

Avanzo nelle cose e nell’attimo
nel desiderio  improvviso che mi guarda
dopo la mareggiata di vento
e la sua prima schiarita.

Qualche foglia si aggiunge al fiore aperto
nella luce e il suo tacitamento.

Riprendo la mia strada
nella trasparenza  del mattino
lungo il cielo aperto che odora di campi
e il suo nuovo cominciamento.


Fotografia di Erberto Zani


giovedì 10 settembre 2015

Giovanni Raiberti, il medico poeta di Monza


 
C’è una lapide sul muro del vecchio ospedale di Monza che recita: Giovanni Raiberti direttore di questo nosocomio. Al medico poeta che il romano e vetusto Orazio fece milanese e contemporaneo e coll’aculeo del carme vernacolo e d’una prosa originale corresse i costumi ed aiutò gli intenti dell’arte salutare apprestando agli spiriti il farmaco della sapiente giovialità. La vedova Giuseppina Bolgeri legava un letto per cronico a perenne memoria del marito n. nel 1805 in Milano e m. in Monza nel 1861.
Ma chi era Giovanni Raiberti il medico poeta di Monza?  Patriota e cultore della libertà politica e civile, ingiustamente trascurato e forse troppo dimenticato, secondo Dante Isella.

L’opinione pubblica non si persuaderà mai che medico e poeta stiano ben d’accordo – andava ripetendo- parmi  ad ogni sestina che scrivo veder disertare un ammalato: o meglio parmi, che come la vezzosa siringa si converse in canna e il bel Giacinto in tulipano, così i miei malati si trasformino ad uno ad uno in altrettante sestine…..se mai è destino che al mio nome sia cucito il mal auguroso predicfito di poeta sappiate almeno, lettori, che io sono poeta medico o meglio medico-poeta.
Milanese, di origini modeste, nacque il 18 aprile del 1805 nella contrada dei Fiori Chiari al n. 1915. Compiuto il corso degli studi in seminario e, lasciato l’abito ecclesiastico, decise di studiare medicina all’università di Pavia, conseguendo la laurea nel 1830. Nel 1842 si trasferì a Monza dove ricoprì il ruolo di direttore dell’ospedale civico monzese. A lui è dedicata la scuola primaria Giovanni Raiberti di Monza, nella via che porta anche il suo nome. Le sue opere sono giudicate, ancora oggi, esempi pregevoli di gustoso e onesto umorismo italiano: il Convitare, il Gatto, Il viaggio di un ignorante.  Nei versi meneghini del Marzo 1948, dopo la cacciata degli austriaci, l’esclamazione di tutti fu : pare un sogno! Sicchè l’è vera o hin ball?
Raiberti racconta la gente di Milano senza distinzion/de pitocch, sciori o nobil che insorge contro il nemico despota forestiero. Non sale sulle barricate ma, alle Cinque giornate darà, comunque, il suo bel contributo aggiustando, tagliando, stagnando e cucendo feriti e moribondi: e sont staa all'ospedaa squas tutt el dì/a giusta, resegà, stagna, cusí. Pur senza aver combattuto in prima fila, il Raiberti fu sempre liberale, fra i liberali. Per alcuni suoi versi, declamati durante una cena offerta in onore di Gioachino Rossini e, successivamente dati alle stampe dove chiamava l'Italia povera Donna strapazzada,/serva strasciada che la perd i tocchi, fu vittima di noie giudiziarie. L'atto di accusa della polizia austriaca lo definì sprezzantemente ribelle e traditore del Sovrano, di cui mangia il pane. E a proposito di Rossini, a chi gli chiedeva cosa avesse da dire sul grande musicista, di lui, rispondeva: cosa ho da dire? On trasà fina el beli perché l’è tropp,/e butta in d’on spartii tanti motiv/ che on alter ghe n’ha a sbacch per fin ch’el scriv. ..el cava tutt del so cervell:/ per Lii, vers brutt, vers bej, l’è tutt egual:/ lù no gh’è mai nagott ch’el le scanchina:/ libritt d’inferno, musica divina!...la sua gloria/ l’è gloria che capiss tutta la gent…l’è on quart de secol che l’è in bocca al mond. Non esiste oggi un linguaggio che abbia la forza della poesia. La poesia invece ce l’ha perché non può sopportare l’ingiustizia del mondo. Ogni atto di ribellione è già poesia, un semplice NO è un verso di poesia. E’ una strana lingua, la poesia; non è più prosa e non è ancora musica e, in mezzo alla musica e alla prosa, c’è una potenza terribile.

 

giovedì 3 settembre 2015

Ma poi mi torni a mente, mondo.

















Discendi dal viale della vita
eterno!

Tu che prosegui e ti profili sulla porta dei ricordi
supera il limite e spiega i tuoi confini
tra finito e infinito.

Il peso del mondo sale in groppa alla memoria
e attenua il timore del guerriero
supera il limite dell'inafferrabile
oltre le sbiadite insegne.

La vita mi pare di chiaro nome
mi avanza
e non s'acqueta al tardo tramontare.

Ma poi mi torni a mente, mondo
imperfetto negli affanni
e fumido di tempo che scorre
nel suo rigurgito di storia e di vita.

Oh intrepida
chi non brama per sé di vita ogni delizia?

martedì 1 settembre 2015

E' un sussurro impollinato nella notte





 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
L’ombra del silenzio odora già di fiori
nell’aria verde che spira lenta e chiama il buio.

E’ quell’ora che indugia nell’inquietudine
e invade il volo delle lucciole nell’ansia della pioggia sottile.

Il filo del vento punge più profondo
e prende la via dei monti nel freddo controluce del giorno
in ogni erba, in ogni ombra e volo
nel cammino dell’acqua che si apre al brulichio del mare
sullo scintillio dei salici.

E’ un sussurro  impollinato nella notte
nel suo insistente fremito che scorre lungo gli argini
dove stanno gli alberi.